Il bed and breakfast consiglia la visita a Terra del Sole, esperimento di "città ideale" del '500

Terra del Sole è un gioiello dell’architettura cinquecentesca toscana incuneato in terra romagnola. La volle Cosimo I de’ Medici: castello e villaggio insieme nella prima metà del XVI secolo. La cerchia murata è ancora lì, da vedere, con i suoi 2087 metri di perimetro. All’interno di questo protetto involucro murato si coglie ancora l’armonia di un disegno urbanistico, una volta tanto non solo desiderato ma effettivamente reso concreto. I borghi maggiori – Fiorentino e Romano – hanno le case disposte su strade rettilinee e parallele. Nella “gran piazza” – oggi piazza Garibaldi – affacciano i palazzi signorili, di grazia raffinata. Il Palazzo pretorio, o dei Commissari, eretto su disegni del Buontalenti, ospita il Museo dell’uomo e dell’ambiente. Nella piazza Garibaldi affaccia anche la chiesa di S. Reparata, anch’essa inconfondibilmente toscana nella grazia dello stile, nella spazialità dell’interno. Non è bene lasciare Terra del Sole senza una puntata a Castrocaro. Accanto alla sua fama di centro termale (notevole il Parco delle Terme con il Padiglione delle Feste) conserva un nucleo medievale racchiuso da due cerchie fortificate e vigilato dalla rocca. Numerosi i monumenti: la tardogotica chiesa di S. Nicolò con affreschi del Quattrocento; il palazzo Maiolani, il battistero di S. Giovanni

Tagged with →  

Lascia un Commento